RICERCA FATTURATO AZIENDE
Info utili | Gio 27 Set 2018

Servizi telefonici a pagamento: sono legali?

20 settembre 2018 – Può capitare di acquistare una nuova sim e di ritrovarsi poi in bolletta, e dunque diverso tempo dopo, una serie di spese di cui non si era a conoscenza.Si tratta di servizi telefonici che una compagnia offre, ma a pagamento. Non sempre però i consumatori vengono preventivamente informati di questi costi aggiuntivi legati alla sim. Secondo la legge, i servizi forniti da una compagnia telefonica, devono essere comunicati in maniera chiara e trasparente al consumatore. Solo in questo modo, quest’ultimo sarà libero di scegliere se abbonarsi o meno a un servizio.

Tra i servizi a pagamento che ci si può ritrovare attivati senza il proprio consenso, ci sono:
la segreteria telefonica;
le previsioni del tempo;
l’avviso di chiamata.

La Corte di Giustizia Europea si esprime chiaramente a riguardo, per cui non è scontato che un acquirente di una scheda sim, sia consapevole del fatto che questa, abbia annessi anche servizi preimpostati e previamente attivati e che comportano spese aggiuntive. La Corte di Giustizia tocca anche un’altra questione che riguarda invece la connessione a internet: anche in questo caso non si può sottintendere che il consumatore sappia che il suo smartphone si possa connettere automaticamente a un’app non richiesta, ma che è sempre attiva. Allo stesso modo, non si può dare per scontato che l’acquirente sia in grado di disattivare in autonomia tali servizi.

Proprio per questo motivo è necessario che le compagnie adottino a riguardo misure leali e trasparenti, in modo da informare il consumatore circa quanto potrà spendere, se vuole attivare un determinato servizio. Anche il click su un banner pubblicitario non rende legale questa pratica commerciale, molto diffusa.

Come fare per informarsi sui servizi attivi sulla propria scheda sim ed eventualmente disattivarli? Ecco gli step da seguire:
  • dal sito della compagnia telefonica di riferimento bisogna cercare e cliccare sulla propria area personale;
  • nella sezione “traffico e costi” o “servizi attivi” si troveranno le app a cui si è abbonati e poi decidere se mantenerle attive oppure no.
In alternativa, si può contattare direttamente la propria compagniatelefonica tramite il servizio clienti e chiedere informazioni sui servizi a cui si è abbonati, il costo di ciascuno di essi, ed eventualmente la disattivazione di questi, che deve avvenire in maniera gratuita.

Fonte: QuiFinanza
Info utili | Gio 27 Set 2018