nascosta | Sab 18 Feb 2017

Praxi S.p.A.

Stime preliminari a fine assicurativo

L’assicurazione incendio, più di ogni altra copertura assicurativa, costituisce uno dei principali strumenti a disposizione delle imprese per la salvaguardia del proprio patrimonio.

Normalmente questa garanzia viene fornita dalla compagnie assicurative con polizze tradizionali dette “a rischio nominato” e comporta l’annessione di garanzie base per fulmini, esplosione e scoppio, caduta di aeromobili o cose trasportate, ecc. Possono poi  essere integrate da estensioni di garanzia, in deroga alle esclusioni di base, quali quelle per eventi sociopolitici, atmosferici, catastrofi naturali, acqua condotta, colpa grave dell’assicurato, anticipo indennizzi, maggiori costi, buona fede, rinuncia al diritto di rivalsa, spese di demolizione e sgombero, ecc. (All Risk).

Una estensione di particolare interesse è quella del “valore a nuovo” che permette di ottenere, nei limiti convenuti in polizza, un indennizzo pari al costo di riparazione o ricostruzione dei fabbricati ed al rimpiazzo dei macchinari o di parte di essi, se rimasti danneggiati o distrutti, senza che l’assicurato debba sopportare l’onere della differenza imputabile al degrado per vetustà, obsolescenza, ecc. (nuovo di fabbrica).

Le compagnie di assicurazione prevedono la possibilità che l’assicurato affidi ad un esperto, indipendente e di riconosciuta esperienza, lo svolgimento di una stima preliminare per fini assicurativi: i valori stimati costituiranno le somme da assicurare e l’allegato descrittivo fornirà una visione chiara e completa dei beni aziendali, eliminando la necessità di redigerne l’elenco dopo un eventuale sinistro.

Perché adottare una stima preliminare?
i vantaggi possono essere sono molteplici, sia per l’assicurato che la compagnia di assicurazione:

1.  deroga della regola proporzionale;

2.  i valori di assicurazione sono stimati da professionisti con competenze in materie ingegneristiche, assicurative e amministrative, applicando il corretto approccio metodologico per ogni tipologia di bene;

3.  i valori e l’impostazione generale della stima fanno riferimento esclusivamente alle esigenze assicurative;

4.  l’allegato descrittivo indica le caratteristiche principali dei beni e la loro ubicazione fisica all’interno del sito;

5.  vengono verificate le condizioni di assicurazione dei beni di terzi presenti nel sito del Cliente (beni in locazione finanziaria, in comodato d’uso, a noleggio, etc.);

6.  nel periodo che intercorre tra una stima e quella successiva (di norma un anno) la polizza assicurativa copre automaticamente i beni di nuova acquisizione e l’eventuale aumento di valore di quelli già stimati;

7.  la liquidazione del danno avviene in tempi rapidi, perché l’elenco dei beni esistenti al momento del sinistro è già disponibile;

8.  vi è la possibilità di ottenere sconti sul premio di assicurazione.
 

Per approfondimenti e informazioni:
Alberto Santin
PRAXI S.p.A. – Responsabile divisione Valutazioni e Perizie
T +39 030 3775998 | alberto.santin@praxi.praxi
25121 BRESCIA – Via IV Novembre, 1/d
www.praxi.praxi